Omelia per la quarta domenica di Avvento – 22 dicembre 2013

Quarta domenica di Avvento – Anno A – Domenica 22 dicembre 2013 

L’attesa è già metà festa, come ci rammenta San Giuseppe. 

di Padre Antonio Rungi 

La quarta domenica di Avvento è la domenica della preparazione immediata al Santo Natale. Si può ben dire che l’attesa è già meta festa, perché quando si attende qualcuno importante, l’attesa stessa ti riempie di gioia e ti fa preparare nel modo dovuto. E qui ad attendere non è una qualsiasi persona o fatto, ma Dio stesso che si fa nostro fratello, nel grembo verginale di Maria, la madre dolcissima di Cristo Redentore. Tutta la parola di Dio, infatti, di questa ultima domenica di avvento ci prepara alla grande festa della nascita del Messia e dell’atteso salvatore del mondo. Lo attende Maria, ma lo attende anche Giuseppe, il padre putativo, Colui che il Signore aveva scelto per essere il degno sposo della Madre del Signore, l’uomo giusto al posto giusto, con la capacità di intercettare i disegni di Dio e dare la sua convincente risposto al suo progetto divino.

Nel racconto di questo unico evento della storia dell’umanità, l’evangelista Matteo sottolinea questa generosità di Giuseppe e questo suo totale abbandono a ciò che il Signore gli chiede di fare, di fronte ad un mistero insondabile della nascita di Gesù per opera dello Spirito Santo. E’ uno dei testi del vangelo più belli, emozionanti e coinvolgenti. Non è di tutti accettare con semplicità e con fede, con coraggio, senza temere il giudizio umano, ma solo accettare la volontà di Dio, come è stato per San Giuseppe, lo sposo castissimo della Beata Vergine Maria, il padre adottivo, putativo o legale di Gesù Cristo. Ecco il brano del vangelo di questa domenica nella sua immediatezza comunicativa: “Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa “Dio con noi”. Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa”. Anche noi, carissimi, siamo chiamati a destarci dal sogno, per vivere nella realtà di tutti i giorni. Una realtà che ci impone delle scelte coraggiose, del si o no e che non ammette mezze misure circa la fede. Anche noi dobbiamo dire e rinnovare il nostro sì a Gesù Cristo, in questo Natale 2013, con la consapevolezza che egli viene nuovamente in mezzo a noi, per ridestarci dal sonno e dai sogni impossibili all’uomo, ma possibilissimi a Dio, se l’uomo di fa guidare dalla luce della fede e non solo e semplicemente della ragione e della scienza. Non dobbiamo aver paura di lasciare fare a Dio, completamente a Lui nella nostra vita, perché, siamone certi, Egli non ci deluderà, ma ci darà tutto quello che è necessario per il nostro bene. Il bene assoluto che Egli ci ha donato è lo stesso suo Figlio Gesù Cristo, venuto tra noi per aprirci le porte della salvezza eterna.Nella colletta specifica di questa quarta domenica, infatti, preghiamo con queste parole di grande speranza e di grande apertura al mistero: “O Dio, Padre buono,  tu hai rivelato la gratuità e la potenza del tuo amore, scegliendo il grembo purissimo della Vergine Maria per rivestire di carne mortale il Verbo della vita: concedi anche a noi  di accoglierlo e generarlo nello spirito con l’ascolto della tua parola,  nell’obbedienza della fede”. Accogliere Cristo con l’obbedienza della fede. Quella stessa obbedienza della fede che ha guidato Maria, la Vergine, nel grande mistero dell’Incarnazione del Figlio di Dio, atteso dall’umanità e dal popolo credente in cammino verso la felicità, come ci ricorda il profeta Isaia nella prima lettura di questa giornata festiva: “In quei giorni, il Signore parlò ad Acaz: «Chiedi per te un segno dal Signore, tuo Dio, dal profondo degli inferi oppure dall’alto». Ma Àcaz rispose: «Non lo chiederò, non voglio tentare il Signore». Allora Isaìa disse: «Ascoltate, casa di Davide! Non vi basta stancare gli uomini, perché ora vogliate stancare anche il mio Dio? Pertanto il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele». Il Dio con noi sta con noi, è per noi, è in noi. Per Lui, con Lui ed in Lui noi assaporiamo ogni attimo della nostra vita, come è dolce vivere solo e soltanto per Iddio. Natale è la festa del Dio in noi. E’ la festa della comunione con Cristo e con i fratelli. Preparare questa festa a pochi giorni della celebrazione liturgica di essa, vuol dire aprire il cuore all’attesa vera dentro di noi: “Stillate dall’alto, o cieli, la vostra rugiada  e dalle nubi scenda a noi il Giusto;  si apra la terra e germogli il Salvatore. Ecco la nostra invocazione di oggi e di sempre per preparare il Natale di questo 2013 e tutti i Natali che il Signore vorrà donarci per il resto della nostra ed altrui vita. Questa gioia del Natale e più in generale del vangelo, come ci ricorda costantemente Papa Francesco, noi abbiamo il diritto e dovere di gridarla al mondo intero, come sottolinea l’Apostolo Paolo nella seconda lettura di questa domenica, tratta dalla Lettera ai Romani: “Paolo, servo di Cristo Gesù, apostolo per chiamata, scelto per annunciare il vangelo di Dio – che egli aveva promesso per mezzo dei suoi profeti nelle sacre Scritture e che riguarda il Figlio suo, nato dal seme di Davide secondo la carne, costituito Figlio di Dio con potenza, secondo lo Spirito di santità, in virtù della risurrezione dei morti, Gesù Cristo nostro Signore; per mezzo di lui abbiamo ricevuto la grazia di essere apostoli, per suscitare l’obbedienza della fede in tutte le genti, a gloria del suo nome, e tra queste siete anche voi, chiamati da Gesù Cristo –, a tutti quelli che sono a Roma, amati da Dio e santi per chiamata, grazia a voi e pace da Dio, Padre nostro, e dal Signore Gesù Cristo!”.

Anche noi, fratelli carissimi, davanti all’imminente celebrazione del Santo Natale, vogliamo farci queste domande, come proposte nel salmo responsoriale: “Chi potrà salire il monte del Signore? Chi potrà stare nel suo luogo santo? Chi ha mani innocenti e cuore puro, chi non si rivolge agli idoli”.

Chi potrà celebrare degnamente questo Natale 2013?

La risposta sta nella parola di Dio di questa domenica che deve diventare parola di vita.

Potrà celebrare e festeggiare il Natale chi non si è macchiato di crimini o che si sia pentito veramente; chi ha avuto ed ha sentimenti puri e belli; chi non si è costruito o pensa di costruirsi idoli di qualsiasi genere, ma cerca nel profondo del suo essere  il Dio vero, che Gesù Cristo ci ha rivelato nel mistero della sua Incarnazione, Passione, Morte e Risurrezione. Buon cammino verso il Natale, ormai vicino, insieme a Giuseppe e a Maria.

Omelia per la quarta domenica di Avvento – 22 dicembre 2013ultima modifica: 2013-12-20T17:52:07+00:00da pace2005
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento